Sgravi fiscali 2019, cosa sono e come usufruirne



Sgravi fiscali 2019, cosa sono e come usufruirne




Gli sgravi fiscali 2019 sono degli esoneri, diminuzioni oppure delle agevolazioni relative al pagamento delle imposte di cui possono usufruire determinati soggetti. Lo scopo di questi sgravi fiscali è quello di:

  • incrementare la formazione del risparmio;
  • consentire nuovi investimenti;
  • rappresentare un incentivo per l’occupazione;
  • incentivare il consumo di alcuni beni.

Sgravi fiscali 2019, agevolazioni in vari settori

Quindi, gli sgravi fiscali non sono altro che delle agevolazioni che possono riguardare diversi settori: ad esempio, possono interessare le aziende che assumono oppure chi ha un reddito basso o, ancora, chi deve svolgere dei lavori di manutenzione alla propria casa.

Infatti, un esempio di queste agevolazioni è quello proprio per chi decide di ristrutturare la propria casa. In questo caso, l’agevolazione fiscale prevede una detrazione dall’IRPEF del 36% delle spese sostenute fino ad un importo complessivo non superiore a 48000 euro.




La detrazione deve essere ripartita in 10 anni con quote di pari importo.

Anche gli interventi di riqualificazione energetica prevedono degli sgravi fiscali, in particolare qualora:

  • si voglia ridurre il fabbisogno energetico per il riscaldamento;
  • apportare un miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni, pavimenti, finestre comprensive di infissi);
  • si intervenga installando pannelli solari e sostituendo i vecchi impianti di climatizzazione invernale.

La detrazione, anche in questo caso, verrà ripartita in 10 rate annuali di pari importo ma può variare a seconda che l’intervento di riqualificazione interessi una sola unità immobiliare oppure un condominio.

L’agevolazione può essere richiesta per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2019.

La detrazione è, nella maggior parte dei casi, del 65% mentre per altre spese è del 50% (ad esempio, nel caso di acquisto e posa di finestre comprensive di infissi e di schermature solari). Nel caso, invece, di spese sostenute dal primo gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 per i condomini, le detrazioni possono andare dal 70 al 75%. Infine, nel caso di riduzione del rischio sismico, la detrazione può essere dell’80 o dell’85% a seconda che i lavori abbiano determinato un passaggio ad una classe di rischio inferiore oppure a due.