Sgravi fiscali 2019, cosa portare in detrazione



Sgravi fiscali 2019, cosa portare in detrazione




Gli sgravi fiscali 2019 rappresentano un esonero, una riduzione oppure un’agevolazione in relazione alle imposte da pagare. Per il 2019, è possibile beneficiare di alcune agevolazioni: la prima è quella legata all’acquisto della prima casa. Infatti, quando si acquista una casa è possibile pagare delle imposte ridotte se si verificano delle condizioni.

Cosa possiamo detrarre, gli sgravi fiscali 2019

Chi acquista da un privato oppure da un’azienda che vende in esenzione IVA, deve versare un’imposta di registro del 2% (invece che del 9%) sul valore catastale dell’immobile. Chi acquista, invece, da un’azienda soggetta a IVA, dovrà versare l’imposta sul valore aggiunto, calcolata sul prezzo della cessione, pari al 4% invece che al 10%. Altre detrazioni sono previste, invece, nei casi di ristrutturazioni edilizie: in particolare, si prevede una detrazione dell’IRPEF del 36% delle spese sostenute fino ad un ammontare complessivo che non superi i 48000 euro.

Se, invece, le spese sono state sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2019, la detrazione è più elevata (del 50%) e il limite di spesa è di 96000 euro: la detrazione viene ripartita in 10 quote annuali di importi uguali. Altre detrazioni sono quelle che riguardano gli interventi di riqualificazione energetica. Se gli interventi riguardano una sola unità immobiliare di un condominio, per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2019, sarà possibile beneficiare di una detrazione del 65% per quasi tutti gli interventi di riqualificazione energetica (per altri del 50%).

Se, invece, gli interventi riguardano le parti comuni degli edifici condominiali oppure tutte le unità immobiliari di un condominio, per le spese sostenute dal primo gennaio 2017 al 31 dicembre 2021, le detrazioni saranno del 70 o del 75%. Infine, detrazioni dell’80 o dell’85% sono previste per gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali che si trovano nelle zone sismiche a più alto rischio e che hanno come scopo quello di ridurre, appunto, questo rischio.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.