Bonifica amianto come richiedere gli sgravi fiscali 2019



Bonifica amianto




La bonifica amianto è un provvedimento preso in considerazione da molte persone alla luce del fatto che l’amianto è stato considerato un materiale cancerogeno di classe 1 e che, purtroppo, si ritrova in molti edifici, dato che è stato impiegato largamente nell’edilizia in Italia. Gli interventi di bonifica da amianto possono comportare una spesa anche piuttosto importante poiché i costi dipendono dalla tecnica utilizzata (rimozione e conseguente smaltimento dell’amianto, incapsulamento o confinamento) e dalla superficie in metri quadri da sottoporre a bonifica.

La bonifica amianto prima di tutto per la salute

Tuttavia, nonostante i costi più o meno importanti, è davvero conveniente procedere alla bonifica da amianto poiché, le sostanze inalabili che potrebbero sprigionarsi da questo materiale, possono arrecare danni davvero gravi alle persone che ne vengono a contatto. Fra l’altro, è possibile beneficiare del Bonus smaltimento amianto negli sgravi fiscali 2019 che consiste in un credito di imposta al 65% per tutti quei soggetti che effettuino operazioni di rimozione dall’amianto e bonifica di componenti realizzate in amianto.

Per richiedere gli sgravi fiscali che derivano dal Bonus smaltimento amianto, è necessario essere:

  • un soggetto titolare di reddito di impresa, nei limiti del 10 per mille dei ricavi annui;
  • una persona fisica o ente non commerciale, nei limiti del 20% del reddito imponibile.

I lavori effettuati tra il 2017 e il 2019

Un altro requisito è che i lavori di smaltimento da amianto siano stati effettuati in un arco di tempo che rientra tra il 2017 e il 2019. Nello specifico, i lavori di smaltimento da amianto sono quelli che riguardano la rimozione di amianto e lo smaltimento in discarica (bisogna presentare, appunto, le attestazioni di spesa di questi due lavori).




Per ottenere gli sgravi fiscali, si può inviare una richiesta, in maniera telematica, al Ministero dell’ambiente indicando:

  • i costi complessivi dei lavori;
  • l’importo delle singole spese;
  • la percentuale di credito di imposta richiesto.

Inoltre, bisogna dichiarare di non aver già beneficiato delle stesse agevolazioni per le stesse voci di spesa.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.