Sgravi fiscali 2019, cosa portare al commercialista



sgravi fiscali 2019 documenti




Gli sgravi fiscali 2019 sono degli esoneri, riduzioni o agevolazioni relative alle imposte. Le agevolazioni fiscali sono tante e sono rappresentate da detrazioni a fini IRPEF dalle imposte e tasse da pagare.

Per poter fruire delle detrazioni di imposta per le spese sostenute dal contribuente nell’anno precedente, è necessario compilare la dichiarazione dei redditi e per farlo ci si può rivolgere ad un commercialista.

I documenti da presentare al commercialista sono:

  • documento di identità e tessera sanitaria (e se la dichiarazione è congiunta, allora occorreranno anche i documenti dell’altro coniuge);
  • codice fiscale del dichiarante e dei familiari a carico;
  • dichiarazione dei redditi presentata nel 2018;
  • ricevute acconti IRPEF versati a giugno e novembre 2018;
  • indicazioni sul datore di lavoro attuale (denominazione, domicilio e numero di FAX).

Inoltre, nel caso di spese la cui detrazione si prolunga per più anni (come ad esempio un mutuo o interventi di riqualificazione energetica) bisognerà presentare anche la documentazione presentata il primo anno.

I documenti per le detrazioni per le spese sanitarie sostenute nel 2018 sono:

  • fatture o ricevute fiscali rilasciate dal medico della struttura sanitaria per quanto riguarda le spese mediche specialistiche e le analisi di laboratorio;
  • lo scontrino fiscale nel caso dei medicinali;
  • le fatture, ricevute o scontrini fiscali per le protesi;
  • la fattura più la prescrizione medica per le cure termali;
  • la fattura per le spese fisioterapiche e riabilitative.

Nel caso di spese veterinarie, le fatture, le ricevute o gli scontrini fiscali per i farmaci. Le spese funebri, la fattura o la ricevuta di pagamento. Per le spese di agenzia immobiliare, la fattura dell’agenzia immobiliare più il contratto di acquisto dell’abitazione principale.




Per le spese di asilo nido e scuola di infanzia, è necessario presentare la fattura o la ricevuta che attesti la spesa per la frequenza di un asilo nido o scuola di infanzia mentre nel caso di spese per istruzione fino alla scuola secondaria superiore:

  • ricevute del versamento delle tasse di iscrizione;
  • contributi volontari obbligatori;
  • mensa;
  • servizi integrati.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.