Bonifica amianto, beneficiare degli sgravi fiscali



Bonifica amianto




L’amianto è un materiale tossico che è stato molto utilizzato nell’edilizia per costruire edifici: data la sua potenziale dannosità per la salute umana (considerando che è ritenuto cancerogeno di classe 1), in molti provvedono alla sua rimozione ricorrendo alla bonifica da amianto. Le tecniche utilizzate per eliminare l’amianto sono tre e cioè la rimozione vera e propria (con conseguente smaltimento e sostituzione con altro materiale conforme), l’incapsulamento o il confinamento. Inoltre questo ci da pla possibilità di accedere agli sgravi fiscali 2019 grazie all’Ecobonus.

Bonifica amianto e sgravi fiscali 2019

A seconda delle tecniche utilizzate per la bonifica (la cui scelta verrà affidata a tecnici specializzati che valuteranno la situazione dell’edificio) e della superficie in metri quadri da sottoporre a bonifica, varierà il costo dell’operazione di bonifica da amianto. A grandi linee, per la rimozione di amianto si può andare da un costo di 20-25 euro per 50 metri quadri di superficie da bonificare.

Se si utilizza la tecnica dell’incapsulamento, il costo va dai 15 ai 25 euro al metro quadro. Infine, per la tecnica del confinamento, il costo è leggermente superiore (dai 25 ai 33 euro al metro quadro di superficie da bonificare). Dunque, la spesa da sostenere quando “ci si vuole liberare dell’amianto” può diventare anche piuttosto consistente se la superficie da trattare è ampia.

Fortunatamente, è possibile beneficiare di sgravi fiscali, il “Bonus smaltimento amianto” prevede un credito di imposta al 65% per tutti coloro che mettano in atto interventi di rimozione di parti in amianto e bonifica delle componenti realizzate con questo materiale tossico. Per ottenere questo incentivo, è necessario che l’importo speso per la bonifica da amianto abbia un costo che va da un minimo di 20000 euro fino ad un massimo di 400000 euro.




Il bonus viene poi suddiviso in 3 quote annuali (al massimo) di uguale importo. Per richiedere questo Bonus, è necessario conservare le ricevute dei pagamenti effettuati (tramite bonifico bancario o postale) e presentarli in sede di dichiarazione dei redditi.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.