Sgravi fiscali aziende 2019, pubblicità online e detrazioni






Gli sgravi fiscali 2019 per le aziende con riferimento alla pubblicità online viene sintetizzato nel bonus pubblicità 2019. Il bonus pubblicità prevede un credito di imposta per le aziende in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa quotidiana e periodica, anche online, e sugli emettenti televisive e radiofoniche locali.

Sgravi fiscali 2019 per la pubblicità

Le aziende che vogliano beneficiare dell’agevolazione e quindi del credito di imposta fino al 90%, lo possono fare con la condizione che l’ammontare complessivo degli investimenti pubblicitari realizzati nel 2019 superino almeno dell’1% gli importi degli analoghi investimenti effettuati sugli stessi mezzi di informazione nel 2018. Le spese sostenute per l’acquisto di pubblicità si devono considerare al netto delle spese accessorie, dei costi di intermediazione e di ogni altra spesa diversa dall’acquisto dello spazio pubblicitario, anche se ad esso funzionale o connesso.

Ovviamente, non beneficeranno del credito di imposta le aziende che abbiano iniziato l’attività nel corso dello stesso anno per cui richiedono il beneficio. Sono ammessi al credito di imposta gli investimenti che si riferiscono all’acquisto di spazi pubblicitari e inserzioni commerciali effettuati sui giornali quotidiani e periodici pubblicati in edizione cartacea, editi in forma digitale e nell’ambito della programmazione di emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali.

Il mondo digitale

Quando si parla di “formato digitale”, si intende “la testata arricchita da elementi multimediali e supportata da funzionalità tecnologiche che ne consentono una lettura dinamica, fruibile mediante portali e applicazioni indipendenti o comuni a più editori attraverso sito Internet collegato alla testata e dotato di un sistema che consenta l’inserimento di commenti da parte del pubblico nonché di funzionalità per l’accessibilità alle informazioni sul sito da parte delle persone con disabilità”. Quanto alla pubblicità online, non sono ammesse al credito di imposta le spese sostenute per la pubblicità sui social o sulle piattaforme online con banner pubblicitari su portali online.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.