Sgravi fiscali 2019, le spese mediche



Sgravi fiscali 2019, le spese mediche




Gli sgravi fiscali 2019 sono delle agevolazioni, delle riduzioni o degli esoneri in relazioni alle imposte da pagare. Quanto alle agevolazioni, il contribuente può usufruire di detrazioni fiscali dall’IRPEF in relazione alle spese sostenute l’anno precedente, ad esempio per le spese sanitarie. Per il 2019, la detrazione che spetta al contribuente per le spese mediche è pari al 19% della differenza tra il totale della somma spesa e la franchigia di 129,11 euro.

Sgravi fiscali 2019, indicare tutte le spese mediche

In pratica, il contribuente per beneficiare delle detrazioni deve indicare le spese mediche effettuate e sostenute per sé o per i familiari a carico nella dichiarazione dei redditi. Un familiare a carico è considerato se possiede un reddito complessivo uguale o inferiore a 2840,51 euro a lordo degli oneri deducibili.

Le spese sanitarie per i quali si ha diritto alla detrazione IRPEF riguardano:

  • le prestazioni rese da un medico generico (anche di medicina omeopatica);
  • l’acquisto di medicinali (anche omeopatici) da banco o con ricetta medica;
  • l’acquisto di alimenti a fini medici speciali (tranne quelli destinati ai lattanti);
  • le prestazioni specialistiche o chirurgiche;
  • le analisi, indagini radioscopiche, ricerche e applicazioni, terapie;
  • i ricoveri per degenze o collegati a interventi chirurgici;
  • il trapianto di organi;
  • le cure termali (ad esclusione delle spese di viaggio e soggiorno);
  • l’acquisto o l’affitto di dispositivi medici e attrezzature sanitarie (anche le protesi).

Spetta una detrazione del 19% anche agli acquisti e spese di assistenza specifica:

  • assistenza infermieristica e riabilitativa;
  • prestazioni rese da personale con qualifica professionale di addetto all’assistenza di base o di operatore tecnico assistenziale esclusivamente dedicato all’assistenza diretta della persona;
  • prestazioni rese da personale di coordinamento delle attività assistenziali di nucleo;
  • prestazioni rese da personale con qualifica di educatore professionale;
  • prestazioni rese da personale qualificato addetto ad attività di animazione e di terapia occupazionale.

In pratica, tutte queste spese possono essere indicate nella dichiarazione dei redditi per l’importo che ecceda 129,11 euro.




Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





1 Commento

  1. Le attività di Terapia Occupazionale sono obbligatoriamente erogate da personale sanitario laureato e abilitato nella classe universitaria SNT2, la stessa del Fisioterapista del Logopedista e delle altre figure afferenti alla stessa classe.
    Mi chiedo perché, quindi, vengano poste vicino alle attività di animazione.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.