IVA sui prodotti, quante ne esistono?



IVA sui prodotti, quante ne esistono




L’IVA sui prodotti è l’imposta sul valore aggiunto, cioè un’imposta indiretta che va ad incidere sui consumi. Perché si paga l’iva? Tale imposta viene applicata sul valore aggiunto di ogni fase di produzione e scambio di beni e servizi.

In particolare, l’IVA viene applicata al consumatore finale

In particolare, viene applicata al consumatore finale, cioè i soggetti che svolgono abitualmente attività di impresa o lavoro autonomo, ogni qualvolta si verifichi cessione di beni o prestazione di servizi sul territorio nazionale. Pagano l’IVA, quindi, sia persone fisiche sia società, infatti, per le imprese si distingue fra IVA a debito, cioè quella sulle vendite che, periodicamente (a cadenza mensile o trimestrale), deve essere pagata allo Stato e IVA a credito, cioè quella sugli acquisti.

Attualmente in Italia sono presenti diverse aliquote IVA in base ai beni o servizi e cioè:

  • 4% (aliquota minima) che si applica alle cessioni di beni e prestazioni di servizi di cui fanno parte i generi di prima necessità (come generi alimentari o prodotti di panetteria);
  • 10% (aliquota ridotta) che si applica alle cessioni di beni e prestazioni di servizi che attengono ai servizi turistici come alberghi, bar, ristoranti oppure a certi prodotti alimentari e particolari operazioni di recupero edilizio;
  • 22% (aliquota ordinaria) che si applica in tutti i casi in cui non sono presenti aliquote differenti (cioè quella minima e quella ridotta).

E’ prevista anche un’aliquota IVA del 5% quando nei casi di:

  • prestazioni socio-sanitarie, assistenziali ed educative rese dalle cooperative sociali e loro consorzi, a partire dal primo gennaio 2016;
  • prodotti come basilico, rosmarino e salvia, freschi, origano a rametti o sgranato, destinati all’alimentazione o piante allo stato vegetativo di basilico, rosmarino e salvia;
  • prestazioni di trasporto urbano di persone effettuate con mezzi di trasporto abilitati ad eseguire servizi di trasporto marittimo, lacuale, fluviale e lagunare.

Ci sono poi servizi esenti da IVA per i quali non si applica alcuna aliquota IVA come ad esempio le visite mediche.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.