Fatture estere, come vanno compilate per evitare problemi con il fisco






Come dobbiamo compilare le nostre fatture estere? È indispensabile compilare al meglio una fattura, poiché potremmo incorrere in problemi futuri. Così, poco prima di compilarla, possiamo sicuramente chiedere alcune informazioni e farlo al meglio. Al giorno d’oggi, il mondo del lavoro è così ampio che sono molteplici gli scambi professionali tra aziende. Dunque, capita di ritrovarsi a fare i conti con la fattura estera e contabilità da gestire per evitare futuri problemi con il fisco.

Come compilare le fatture estere

La prima domanda è la seguente: con l’introduzione della fatturazione elettronica, è obbligatorio seguire questa procedura? In realtà non lo è, poiché vige l’obbligo solo nei paesi in cui la fatturazione elettronica è in vigore. Gli unici paesi ad averla obbligatoria sono l’Italia e il Portogallo.

Fatta questa premessa, compilare una fattura estera non è difficile. La prima distinzione è tra operazione intracomunitaria, ovvero scambio di lavoro tra paesi interni all’Unione Europea, o operazione extracomunitaria. In quest’ultimi rientrano i paesi Extra Europei.

Un’altra distinzione che dobbiamo operare è tra cessione o acquisto di beni, oppure prestazioni di servizio che abbiamo ricevuto o abbiamo reso.




Fatture estere: come funzionano e come registrarle

Normalmente, in una fattura rientrano tutti quei dati indispensabili al pagamento, ma non solo. Rientrano i dati personali dell’azienda, la Partita Iva, il numero di registro delle imprese, così come il motivo della prestazione e il totale da pagare o da ricevere. È importante ricordare di numerare le proprie fatture.

Una volta che avremo inserito i nostri dati, potremo sottoporre la ricevuta a un commercialista, che la visionerà e la approverà. Le fatture estere vanno registrate entro il 15 del mese successivo. Questo è stato stabilito dall’articolo 47 comma 4 del D.L. 331/1993.

Ogni fattura andrà poi firmata e datata a mano. Per qualsiasi dubbio o informazione, potete discuterne con il commercialista, che vi potrà dare un prezioso e valido aiuto nell’autocompilazione.

 



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.