Fatture estere e contabilità, come devono essere gestite



Fatture all'estero




A chiunque può capitare di rilasciare delle fatture all’estero. Ma come vanno registrate nello specifico? Abbiamo deciso di approfondire l’argomento, per offrirvi delle delucidazioni. Registrare le fatture è indispensabile al fine di dichiarare quanto abbiamo guadagnato o pagato in base alle prestazioni di lavoro offerte. Come funziona nel caso delle fatture estere?

Come registrare le fatture estere

Anzitutto, in quanto committenti, abbiamo degli obblighi. È la Legge di Stabilità 2013 a suggerirci come muoverci a riguardo. La prima cosa da fare è numerare la nostra fattura. Dobbiamo, inoltre, integrarla con il valore della nostra moneta, ovvero l’euro. Dopo avere compilato la fattura, dobbiamo annotarla e dobbiamo farlo entro il giorno 15 del mese successivo al giorno di ricezione. Riporteremo l’ordine della numerazione e il corrispettivo in valuta estera.

In seguito, dovremo annotare la nostra fattura integrata nel Registro Iva Acquisti. Questo procedimento è indispensabile al fine di garantire la detrazione che spetta.




Fatture estere: tutto ciò che c’è da sapere

Poi, possiamo emettere l’autofattura: procedimento da fare entro il giorno 15 del terzo mese successivo alla fattura stessa. La annoteremo e infine controlleremo i termini di emissione. Ci sono degli obblighi particolari per quanto concerne l’IVA?

Se si tratta di una prestazione che fa un operatore fuori dall’Italia, ma che risiede nella Comunità Europea, siamo noi in quanto committenti italiani ad essere debitori di imposta. Nel caso in cui fosse europea, possiamo fare la inversione contabile. Invece, se è extra-europea, dobbiamo seguire il procedimento dell’autofattura.

Nella fattura avremo cura di inserire tutti i dati necessari, come i dati del committente, il motivo della prestazione di lavoro, la data della durata della prestazione di lavoro e il totale. Per ogni problema, comunque, il vostro commercialista potrà guidarvi e aiutarvi a compilarla nel modo perfetto, così da emettere una fattura estera in piena regola.

Fatture estere senza iva, quale dicitura scrivere

Fatture estere

Nel momento in cui rilasciamo delle fatture estere senza iva, è necessario comprendere quale sarà la dicitura da scrivere. Tutte le aziende che si ritrovano a fare uno scambio di servizio con un operatore non italiano ha ovviamente degli obblighi diversi per l’IVA. Dobbiamo considerare una moltitudine di fattori, poiché le regole da applicare non sono sempre le stesse. In materia è sempre bene consultarsi con il proprio commercialista.

Fatture estere senza iva: dicitura e informazioni

La Legge di Bilancio 2011 ha perfezionato il sistema di fatture estere. Noi, in quanto azienda italiana, nel momento in cui dobbiamo emettere una fattura, possiamo farlo senza IVA. Sarà poi l’azienda estera ad applicare la fattura con l’IVA, in modo tale da poterla versare. Questo metodo si chiama Inversione Contabile.

Questo procedimento è stato necessario al fine di dichiarare sempre i corrispettivi e i pagamenti, oltre ai guadagni e agli incassi. Infatti, prima del 2011, erano molte le aziende che non dichiaravano le collaborazioni estere, evadendo le tasse.

Compilare una fattura estera senza IVA è semplicissimo. Dovremo soltanto seguire il procedimento base, inserendo tutti i dati della nostra azienda. Quali sono?

[the_ad id=”226766″]

 

Registrare una fattura estera senza iva: come fare?

Inseriremo in alto il nome del professionista o dell’impresa; in seguito metteremo il nostro indirizzo, il CAP e la Partita Iva, oltre al codice fiscale. Inoltre, inseriremo anche il numero del Registro delle Imprese, oltre al numero di telefono e di fax, se lo abbiamo. Nel riquadro successivo inseriremo i dati del nostro cliente, avendo cura di mettere il nome, l’indirizzo, la partita iva, il codice fiscale.

Numeriamo sempre le nostre fatture, inserendo anche la data in cui sono state eseguite. Questo è il momento di aggiungere la descrizione del rapporto di lavoro, il totale e l’importo previdenziale.

La nota che dovrete aggiungere, infine, la dicitura importante, è la seguente: Fattura non soggetta IVA ex art.7, comma 4, DPR 633/1972.

Fatture estere e fatturazione elettronica, come fare

Fatture estere

Da quando è stata introdotta la fatturazione elettronica, ci si chiede come fare le fatture estere. Il cambio di fatturazione ha un po’ preoccupato le persone che ogni giorno hanno a che fare con i numeri. Non temete, però: oggi vogliamo darvi qualche delucidazione per compilare al meglio una fattura estera.

Fatture estere, fatturazione elettronica: cosa c’è da sapere?

Con la fatturazione elettronica, sono state molte le aziende e in generale i possessori di P. Iva a fare numerose domande per venire a capo del problema. Come si fa? E nel momento in cui dobbiamo pagare una fattura estera con questa modalità, quali sono le alternative a nostra disposizione?

Premettiamo che la fatturazione elettronica è obbligatoria unicamente verso i soggetti che abitano in Italia. Per fare chiarezza, abbiamo deciso di andare ad indagare nei documenti dell’Agenzia delle Entrate, che ha rilasciato numerose comunicazioni a riguardo.

Nel momento in cui un soggetto non abita in Italia, ma è stato comunque identificato in Italia, dobbiamo emettere obbligatoriamente la fattura elettronica.

[the_ad id=”226768″]

 

Fatturazione elettronica: come funziona nello specifico?

Il discorso, invece, è diverso per coloro che non abitano in Italia e che dunque non sono soggetti alla fatturazione elettronica. Questi soggetti, infatti, non hanno alcun obbligo di accreditarsi verso il Sistema di Interscambio.

A questo punto che cosa succede? Quale sarà la detrazione da applicare? Dovremo rifarci all’articolo 19 del DPR 633/1972. L’Obbligo della Fatturazione Elettronica è attualmente in vigore unicamente in Italia e in Portogallo.

Non essendo obbligatoria, dovremo dunque adempiere all’Esterometro, che è l’equivalente dello Spesometro, dove si potranno trovare tutte le informazioni riguardo alle fatture estere.

Grazie al sistema di interscambio, potremo adempiere correttamente all’emissione della fattura estera e non incorrere in sanzioni o in problemi con il fisco. Per qualsiasi dubbio o info, vi invitiamo a visualizzare il sito di Fatturazione Elettronica.

Fatture estere, fac simile da copiare

Per quanto riguarda le fatture estere, c’è un fac simile da copiare. Nel momento in cui noi, azienda italiana, operiamo degli scambi di servizi con un professionista di un altro paese, dobbiamo assolutamente seguire le varie regolamentazioni nel campo IVA. Sono sempre diverse e si applicano in maniera differente in base al rapporto lavorativo e ad altri fattori, tra cui il paese di residenza dell’operatore cui ci siamo rivolti.

Fatture estere: il fac simile da ricopiare, qual è?

Le fatture estere sono molto simili a quelle compilate per un committente italiano. A cambiare sono i termini di emissione: per un cliente che risiede nell’Unione Europea è necessario emetterle entro il giorno 15 del mese successivo all’effettuazione del servizio/prestazione o della vendita del bene, secondo la Legge 228 del 24.12.2012. Il fac simile da copiare per una fattura estera deve dunque contenere i seguenti dati:

  • Vostra Intestazione
  • Intestazione e P.IVA del Cliente
  • Numerazione della fattura da inizio dell’anno o inizio dell’attività
  • Descrizione del servizio effettuato o del bene venduto con prezzo in Euro
  • Totale pattuito in Euro
  • Termini di Pagamento con Coordinate Bancarie Complete
  • La dicitura “Inversione Contabile (Legge 228 del 24.12.2012)
  • La dicitura “Operazione fuori campo IVA ex art.7 del DPR n. 633/1972

Se il paese è extra-europeo

Nel caso il vostro cliente risieda in un paese extra-Europeo, bisogna sostituire la penultima voce con “Operazione non soggetta (Legge 228 del 24.12.2012)”.

Per quanto riguarda la fatturazione elettronica, non è obbligatoria, a meno che non stiate scambiando affari con il Portogallo, che è l’unico paese, oltre l’Italia, ad avere la fatturazione elettronica come obbligatoria.

Per il resto, per qualsiasi dubbio, potete rivolgervi al commercialista. Sarà lui a guidarvi attraverso i passi fondamentali per una perfetta fattura; non è molto difficile e basta prestare attenzione ai dati che avete scritto.

SCARICA IL FAC SIMILE



1 Trackback / Pingback

  1. Fatture estere, come vanno compilate per evitare problemi con il fisco

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.