Fermo amministrativo auto, quando avviene



Fermo amministrativo




Quando un contribuente non paga il bollo auto, riceverà la cartella esattoriale dall’ente predisposto alla riscossione del credito. Da quel momento, il contribuente avrà due mesi di tempo, a partire dalla notifica, per provvedere al pagamento del debito. Qualora la cartella esattoriale rimanesse ancora inevasa, il contribuente potrà vedersi sottoporre il proprio veicolo a fermo amministrativo, ovvero il divieto di circolare con il veicolo. Nel caso di rottamazione cartelle esattoriale, il contribuente dovrà pagare come d’accordi con il fisco.

Cancellare il fermo amministrativo dell’auto

Per poter cancellare il fermo amministrativo, sarà necessario estinguere il debito e dunque pagare la cartella esattoriale. Il contribuente potrà richiedere la rateazione all’Agente della riscossione ed effettuare il pagamento della prima rata di quanto dovuto. Una volta presentato il pagamento della prima rata, l’Esattore rilascerà una quietanza da presentare al P.R.A. e qui verrà sospeso il fermo e si potrà riprendere a circolare anche se la cancellazione definitiva del fermo, come detto, si avrà solo quando il debito sarà completamente estinto.

Con il fermo amministrativo dell’auto, dunque, il proprietario non può disporre più dell’auto fino a che non avrà saldato il proprio debito e, se continuerà a circolare nonostante il fermo, incorrerà in una multa. Quando il veicolo è sottoposto a fermo, il mezzo non potrò essere demolito, cancellato dal Pubblico Registro o portato all’estero e nemmeno rottamato.

Si può vendere l’auto con il fermo?

Con il fermo si può però vendere l’auto anche se non è detto che qualcuno voglia acquistare un mezzo che non si può utilizzare.




Il contribuente potrà ovviamente utilizzare altri veicoli ma quello sottoposto a fermo rimarrà “bloccato”. Questa del fermo amministrativo è una misura atta ad evitare che il bene venga deteriorato, distrutto o sottratto. Il fermo amministrativo può, comunque, essere evitato da coloro che utilizzano l’automobile per lavoro. Da quando il soggetto riceve il preavviso di fermo, ha tempo un mese per dimostrare che il veicolo è essenziale per lui per lavorare e dunque per vivere.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.