Pagamenti Equitalia, come chiudere il contenzioso con lo Stato



Pagamenti Equitalia




L’Agenzia delle Entrate si occupa di verificare gli omessi pagamenti delle tasse da parte dei contribuenti e di richiedere la riscossione degli importi dovuti. La prima comunicazione che giunge al contribuente è l’avviso bonario: se il contribuente ha pagato regolarmente le imposte e i contributi dovuti, ha trenta giorni per rivolgersi all’Agenzia delle Entrate e documentarlo.

In alternativa, può procedere al pagamento di quanto dovuto più gli interessi e la sanzione ridotta. In caso di rottamazione cartelle attenersi al metodo di pagamento e alle tempistiche concordate.

Pagamenti Equitalia come chiudere i conti

Se, invece, nonostante l’avviso bonario, il contribuente non procede al pagamento di quanto dovuto, avviene l’iscrizione al ruolo della cartella esattoriale cioè di quell’atto con cui l’Agenzia delle Entrate ed in particolare Equitalia, richiede il pagamento delle somme dovute. Nel caso il contribuente riceva una cartella esattoriale, questi può rivolgersi a dei professionisti per accertarne la regolarità ed eventualmente per richiederne l’annullamento in caso di vizi.

Infatti, negli ultimi tempi sono sempre di più i contribuenti che fanno ricorso contro le cartelle esattoriali di Equitalia e questo ha comportato un aumento dei contenzioni di natura tributaria. Molti contribuenti, convinti di non dover versare nulla ad Equitalia oppure che le richieste contenute nelle cartelle esattoriali non siano corrette, decidono di fare ricorso. La commissione tributaria se accetta il ricorso, dispone l’annullamento dell’atto e lo sgravio, cioè un provvedimento con cui ordina l’annullamento dell’ordine di incasso contenuto nelle cartelle esattoriali




Il contribuente può procedere all’impugnazione della cartella esattoriale di Equitalia anche quando sia presente qualche vizio: uno dei più comuni vizi di forma riguarda la modalità di notifica. La modalità e i termini della notifica variano a seconda dei tributi: ad ogni modo, sapere di rientrare ancora nei termini per fare ricorso, può essere utile.

L’impugnazione deve essere proposta davanti al giudice o, in rari casi, in tribunale davanti ad un giudice e con la presenza del proprio avvocato.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.