Tasse sospese decreto agosto, quali potranno essere dilazionate



Tasse




Il “decreto agosto” prevede che il pagamento delle tasse e delle rate sospese nei mesi di emergenza Coronavirus (marzo, aprile e maggio) avvenga in 2 anni e non più entro fine anno. Il primo pagamento dovrà avvenire entro il 16 settembre per il 50%, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un’unica soluzione oppure in 4 rate da pagare entro dicembre 2020 mentre il restante 50% verrà versato in 24 rate mensili.

Tasse sospese, come funziona

In particolare la scadenza dei versamenti è stata prorogata dal 30 giugno al 16 settembre per i versamenti che riguardano:

  • ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilati;
  • trattenute relative all’addizionale regionale e comunale;
  • IVA;
  • contributi previdenziali e assistenziali;
  • premi per l’assicurazione obbligatoria.

Ma c’è anche la proroga dei versamenti relativi alla dichiarazione dei redditi (per ciò che attiene il secondo acconto del 30 novembre) solo per i soggetti che hanno subito dei danni economici.

In particolare, per i soggetti che hanno avuto un calo di fatturato:




  • di almeno il 33% per ricavi/compensi sotto i 50 milioni;
  • di almeno il 50% sopra tale soglia.

Oppure per i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione che hanno iniziato ad operare dal 1°aprile 2019. Inoltre, anche i residenti di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Piacenza ovvero delle zone più colpite dall’emergenza Coronavirus, che hanno beneficiato della sospensione del versamento dell’IVA anche se non hanno subito una perdita di fatturato di almeno il 33%, devono segnare come primo appuntamento con il Fisco quello del 16 settembre.

Infine, anche i soggetti colpiti dall’emergenza sanitaria come federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva, associazioni e società sportive, sia professionistiche che dilettantistiche devono iniziare ad effettuare i versamenti dal 16 settembre nelle stesse modalità sopra indicate. Tutto questo per dare maggiore respiro a famiglie ed imprese, segnate pesantemente dagli scorsi mesi di emergenza.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.