Scadenze fiscali, si può chiedere una proroga 



Scadenze




A partire dal mese di settembre e fino alla fine dell’anno, sono numerose le scadenze fiscali da segnare in agenda. Ma, alla luce della situazione attuale caratterizzata dall’epidemia di Coronavirus, si può chiedere la proroga di alcune scadenze? Nel frattempo come si pagano le tasse? Le tasse di pagano tramite F24 anche comodamente da casa con l’homebanking.

Il cosiddetto Decreto agosto

In effetti, ci ha pensato il cosiddetto Decreto agosto a prorogare alcune scadenze fiscali proprio per sostenere le famiglie e le imprese che di più hanno risentito delle conseguenze del Covid-19.

Prima di tutto, il decreto ha previsto un’ulteriore rateizzazione dei versamenti IVA, IRPEF e INPS relativi ai mesi di marzo, aprile e maggio.

La scadenza è stata fissata al 16 settembre 2020, termine entro il quale pagare il 50% del totale delle imposte, in un’unica soluzione o in 4 rate mensili. Il restante 50% si potrà pagare a partire dal 16 gennaio 2020, in 24 rate mensili di pari importo, senza interessi o sanzioni.




La scadenza della presentazione

La scadenza della presentazione del modello 730 è stata prorogata al 30 settembre. È stato spostato al 30 aprile 2021 il termine per il pagamento del secondo acconto IRPEF e IRAP. Le partite IVA (anche se adottano il regime forfettario) che applicano gli indici sintetici di affidabilità (ISA) dovranno pagare, entro questo termine, il secondo acconto delle imposte sui redditi 2020.

La proroga spetta solo a chi ha riscontrato un calo del fatturato nel primo semestre pari almeno al 33% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Altre proroghe hanno interessato le attività ristorative, quelle che maggiormente hanno risentito delle misure imposte per contrastare la diffusione del virus (le chiusure per diversi mesi).

È stato prorogato al 31 dicembre 2020, l’esonero dal pagamento della tassa di occupazione di spazi ed aree pubbliche (TOSAP) e del canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (COSAP).

Infine, è stata sospesa l’emissione di cartelle esattoriali ed avvisi esecutivi per le entrate tributarie fino al 15 ottobre 2020.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.