Cartelle esattoriali, ripartite dal 16 ottobre



Cartelle




Era di pochi giorni fa la notizia secondo cui, dal 16 ottobre 2020 sarebbe ripresa gradualmente l’attività dell’Agenzia delle Entrate Riscossione in riferimento alle notifiche di cartelle esattoriali e pignoramenti, dopo un periodo di stop stabilito per via dell’emergenza legata all’epidemia di Coronavirus. In realtàle cartelle esattoriali sono state prorogate.

Sospensione cartelle esattoriali

Infatti, la legge di conversione del decreto agosto, approvata il 6 ottobre 2020, aveva confermato la sospensione delle attività dellAgenzia delle Entrate Riscossione fino al 15 ottobre 2020 e che, a partire dal 16 ottobre le attività sarebbero riprese.

Stando alle stime, circa 18 milioni di contribuenti avrebbero dovuto ricevere cartelle e atti di riscossione, vale a dire 3 milioni di persone giuridiche e 14,9 milioni di persone fisiche (2,5 milioni di questi sono lavoratori autonomi titolari di partita IVA).

Inoltre, sempre a partire dal 16 ottobre, avrebbe dovuto riprendere il pagamento delle somme sospese a partire dall’8 marzo 2020. Tuttavia, domenica 18 ottobre sono state emanate nuove disposizioni urgenti in materia di riscossione esattoriale.




In particolare, è stata disposta la proroga fino al 31 dicembre 2020 della sospensione delle attività di notifica di nuove cartelle di pagamento, del pagamento delle cartelle precedentemente inviate e degli altri atti dell’Agente della Riscossione.

La sospensione riguarda, in particolare:

  • le cartelle di pagamento;
  • gli avvisi di accertamento esecutivi;
  • gli avvisi di accertamento in materia doganale;
  • le ingiunzioni fiscali degli enti territoriali;
  • i nuovi avvisi di accertamento esecutivi per i tributi locali

Viene prorogato sempre al 31 dicembre il periodo durante il quale si decade dalla rateizzazione con il mancato pagamento di 10 rate, anziché 5.

Senza la proroga prevista dal decreto legge approvato il 18 ottobre 2020, bisognava procedere ai pagamenti sospesi in scadenza dall’8 marzo al 15 ottobre 2020 entro il 30 novembre 2020 (cioè entro il mese successivo alla scadenza del periodo di sospensione).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.