Accise benzina ma cosa sono?  



benzina




L’aumento del costo della benzina sta comportando tanti disagi e tante preoccupazioni da parte di tantissime persone che ogni giorno utilizzano l’auto per i propri spostamenti.

Questo aumento esagerato è dovuto alla combinazione di tre elementi:

  • l’aumento del prezzo del petrolio
  • l’effetto del cambio tra euro e dollaro
  • le accise

Se i primi due elementi sono influenzati soprattutto dall’attuale guerra in Ucraina, l’aspetto delle accise, invece, è l’unico su cui il Governo potrebbe intervenire per calmierare questo aumento esagerato nel costo della benzina.

Ma cosa sono dunque le accise?

Le accise sono un tributo indiretto a riscossione mediata che si applica a determinati beni al momento della produzione o della vendita, e viene pagato dal produttore o dal commerciante trasferendone l’onere sul consumatore, cioè includendolo nel prezzo di vendita.

Oggi in Italia le accise si applicano su alcuni beni come:




  • gli oli minerali e loro derivati (benzina, gasolio, gpl, gas metano)
  • le bevande alcoliche (liquori, grappe, brandy)
  • i fiammiferi
  • i tabacchi lavorati (le sigarette)
  • l’energia elettrica
  • gli oli lubrificanti

In passato i Governi hanno fatto ricorso alle accise per avere dei fondi subito disponibili per fronteggiare situazioni di gravi emergenze come guerre o calamità naturali (come terremoti o alluvioni).

Infatti oggi sono 18 le accise sui carburanti che gravano sulle tasche degli automobilisti italiani.

Alcuni esempi?

Le accise sui carburanti imposte per supportare la ricostruzione successiva al disastro del Vajont, per fronteggiare le conseguenze dell’alluvione di Firenze e di terremoti come quelli del Friuli, dell’Irpinia, de L’Aquila, dell’Emilia e tante altre ancora fino ad arrivare a quelle del 2014 per finanziare il Bonus Gestori e il Decreto Fare.

Il valore delle accise sulla benzina è variabile nel tempo, perché aumenta e poi tendenzialmente dovrebbe diminuire, anche grazie a degli interventi da parte del Governo, come quelli che hanno riportato, a partire dal 23 marzo 2022, il prezzo della benzina al di sotto dei 2 euro al litro.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.