Barche, vanno dichiarate?  



Barche




Quando si acquista una barca si ha l’obbligo per legge di registrarla presso gli uffici pubblici e poi di dichiararla nella dichiarazione dei redditi annuale.

Anche le barche acquistate e detenute all’estero

Anche le barche acquistate e detenute all’estero da persone fisiche, enti non commerciali, società semplici ed equiparate residenti in Italia, vanno dichiarate usando il quadro RW del modello UNICO della dichiarazione dei redditi.

Nel quadro RW infatti vanno indicate tutte le attività patrimoniali e finanziarie detenute all’estero indipendentemente dal fatto che abbiano o meno prodotto reddito (quindi anche le barche).

Questo obbligo sussiste non solo per il contribuente per il possesso diretto delle imbarcazioni, ma anche nel caso in cui questi beni siano posseduti dal contribuente per il tramite di interposta persona.




Ad esempio nel caso di soggetti che abbiano l’effettiva disponibilità delle imbarcazioni che sono formalmente intestate ad un trust (residente o meno).

Per i beni fisicamente collocati all’estero (si pensi ad esempio ad uno yatch o ad una barca) ci sono due tipi di imposte da pagare.

La prima è l’IVIE, cioè l’imposta sul valore degli immobili situati all’estero, che deve essere versata dalle persone fisiche residenti in Italia che hanno immobili all’estero, destinati a qualsiasi utilizzo.

In linea generale il pagamento di questa imposta ricade:

  • sui proprietari di fabbricati, aree fabbricabili e terreni a qualsiasi uso destinati, compresi quelli strumentali per natura o destinati ad attività d’impresa o di lavoro autonomo
  • sui titolari dei diritti reali di usufrutto, uso o abitazione, enfiteusi (diritto reale di godimento su un fondo di proprietà altrui), e dei diritti di superficie sugli stessi
  • sui concessionari, nel caso di concessione di aree demaniali e sui locatari, per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria

La seconda è l’Ivafe cioè l’imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero.

Il pagamento di questa imposta spetta alle persone fisiche residenti in Italia che hanno sottoscritto, ad esempio, prodotti finanziari, conti correnti e libretti di risparmio.

Si paga un’imposta pari al 2 per mille calcolata sul valore dei prodotti finanziari.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.