Prestiti 2019 cambializzati che cosa sono



Prestiti 2019 cambializzati che cosa sono




I prestiti cambializzati vengono erogati più facilmente di un prestito “normale” e il loro rimborso avviene mensilmente tramite pagamento di cambiali. Si tratta di un prestito non finalizzato, cioè non è necessario specificare il motivo per cui viene richiesto (ad esempio per avere maggiore liquidità o per sostenere una spesa che altrimenti non si sarebbe potuta affrontare). Sicuramente non il prestito migliore del 2019 ma senza dubbio ancora molto utilizzato in diversi settori.

Gli importi dei prestiti cambializzati vanno dai 2500 ai 50000 euro e vengono erogati da enti privati dopo che hanno scrupolosamente verificato l’esistenza dei requisiti nel richiedente.

Tali requisiti sono:

  • per il lavoratore autonomo, la dichiarazione dei reddito;
  • per il lavoratore dipendente, il TFR e la documentazione del reddito familiare;
  • per i disoccupati e per chi non ha un reddito fisso, è necessario che ci sia la garanzia di un terzo soggetto oppure la dichiarazione di proprietà di un immobile.

Il debitore che ha richiesto il prestito deve, come forma di garanzia nei confronti del creditore, firmare le cambiali e indicare la banca d’appoggio.




Il debitore può scegliere fra due modalità di cambiali:

  • pagherò: con questo tipo di cambiale, chi la emette e la sottoscrive, può acquistare qualsiasi tipo
    di bene dando in garanzia la cambiale, cioè la promessa di pagare una certa cifra entro una data
    scadenza e presso un luogo specifico;
  • tratta: il traente ordina al debitore, cioè il trattario, di pagare una determinata somma al
    beneficiario ovvero al legittimo portatore del titolo.

La differenza con il pagherò, è che la cambiale viene emessa dal creditore che obbliga il debitore a
pagare una certa cifra entro una data scadenza.

Il debitore, accettando la cambiale, ha l’obbligo di pagarla.

Infatti, il prestito può essere restituito in un massimo di 10 anni.

Ovviamente, alla somma erogata bisognerà aggiungere degli interessi, spese e oneri assicurativi (spese
di istruttoria, spese di acquisto di cambiali, spese di registrazione dei contratti e commissioni di
mediazioni).



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.