Parte il reddito di cittadinanza, ma che cos’è?



Parte il reddito di cittadinanza, ma che cos’è




Negli ultimi giorni non si discute altro che dell’RDC, ovvero del Reddito di Cittadinanza. Ma che cos’è nello specifico? Una proposta che ha l’obiettivo di aiutare e di sostenere le famiglie in difficoltà. Tuttavia, questa proposta di delimita a una porzione di famiglie, ovvero coloro che posseggono la cittadinanza italiana. Analizziamo insieme che cos’è nello specifico e cosa c’è da sapere.

Che cos’è il Reddito di Cittadinanza

Viviamo in un momento storico ed economico particolarmente difficile. Lavoro altalenante, disoccupazione, giovani che si sentono senza futuro e che pertanto sono costretti ad andare a lavorare all’estero. In questo scenario, il governo ha deciso di concedere il Reddito di Cittadinanza. Abbiamo pensato di approfondire meglio la questione: cosa prevede la Legge di Bilancio 2019.

Tecnicamente, ci troviamo di fronte a un sussidio mensile per i meno abbienti: l’importo standard è di circa 780,00 euro a persona. Entra in vigore definitivamente dal 2019: ad Aprile, l’Inps ha quasi terminato di accettare o rifiutare le richieste. Per richiedere questo reddito, dovevamo presentare l’ISEE, ovvero il reddito complessivo di un nucleo familiare. Nel momento in cui non superiamo 780,00 euro mensili di reddito, possiamo richiederlo. Attenzione: saranno erogati solo parte dei soldi per giungere lla quota di 780,00 euro mensili di reddito.

Cosa sapere sul Reddito di Cittadinanza

Si può usufruire di questo reddito per circa 18 mensilità: consente di coprire e di garantire tutte quelle spese primarie che sono necessarie alla famiglia per sopravvivere. Parallelamente a questa fonte di denaro, si prevede un provvedimento di ricollocamento lavorativo per i membri della famiglia.




Sarà previsto, infatti, un percorso di riqualificazione, che avverrà nei centri dell’impiego. Un aiuto, dunque, che ci sarà anche sul lungo termine, considerando che trascorsi i 18 mesi si dovrebbe trovare lavoro e si potrebbe usufruire di una fonte di reddito lavorativa e sicura, sulla base della riqualificazione scelta.



1 Trackback / Pingback

  1. Reddito di cittadinanza, cosa succede in caso di dimissioni dal lavoro

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.