Bonus pubblicità online 2019, è possibile scaricarla dalle tasse



Bonus pubblicità




Internet ha dato la possibilità a molti professionisti ed aziende di promuovere i propri prodotti e servizi online accedendo anche al bonus pubblicità: basti pensare alla possibilità di creare campagne pubblicitarie su Facebook o su Google con Google Adwords e Google Adsense. Dal 2018 è stato introdotto un credito d’imposta valido per le imprese, i lavoratori autonomi e gli enti commerciali proprio in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa quotidiana e periodica, anche online, e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali.

Bonus pubblicità online, come si ottengono gli sgravi?

Si tratta del Bonus pubblicità con cui si può ottenere un credito di imposta fino dal 75% al 90% (il credito di imposta del 90% può essere ottenuto se gli investimenti sono stati effettuati da micro imprese, PMI e start up innovative).

Tuttavia, è necessario che l’ammontare complessivo degli investimenti pubblicitari realizzati superi almeno dell’1% l’importo degli investimenti effettuati sugli stessi mezzi di informazione l’anno precedente.




Non possono accedere al credito di imposta coloro che abbiano effettuato investimenti pubblicitari dell’anno precedente a quello per cui ci si chiede l’agevolazione pari a 0.

Cosa possiamo detrarre?

Nello specifico, gli investimenti incrementali con cui è possibile ottenere il credito di imposta si riferiscono all’acquisto di spazi pubblicitari o di inserzioni pubblicitarie effettuati su giornali, quotidiani e periodici, pubblicati in edizione cartacea, editi in formato digitale e editi nell’ambito della programmazione di emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali.

Non sono ammesse al credito di imposta le spese che, invece, siano state sostenute per pubblicità tramite social o piattaforme online o banner pubblicitari su portali online.

Inoltre, le spese sostenute per l’acquisto della pubblicità devono considerarsi al netto:

  • delle spese accessorie;
  • dei costi di intermediazione;
  • di ogni altra spesa diversa dall’acquisto dello spazio pubblicitario (anche se ad esso funzionale o connesso).

I soggetti che volevano usufruire del Bonus pubblicità avevano tempo entro il primo aprile 2019.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.