Costo pubblicità 2019, è possibile detrarlo dalle tasse?



Costo pubblicità 2019




Per promuovere prodotti o servizi, le aziende o i professionisti possono affidarsi a mezzi pubblicitari tradizionali come volantini, manifesti, inserzioni sui giornali oppure possono usare nuovi mezzi pubblicitari e cioè Social network, siti web o, in generale, online. Dal 2018 è stato introdotto il cosiddetto Bonus pubblicità, un credito di imposta pensato per i liberi professionisti, le imprese e gli enti no profit che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie sia con metodi tradizionali che online accedendo quindi agli sgravi fiscali pubblicità 2019.

Bonus costo pubblicità

Il bonus, in particolare, è rappresentato da un credito di imposta pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati in pubblicità (il credito di imposta è pari al 90% nel caso in cui gli investimenti siano stati effettuati da micro imprese, PMI e start up innovative). Il tetto massimo è pari al 5% sul totale degli investimenti su stampa e online e al 2% in caso di investimenti fatti su radio e televisione.

I requisiti per poter beneficiare del Bonus pubblicità sono quello di aver realizzato un ammontare complessivo di investimenti pubblicitari superiore almeno dell’1% rispetto all’importo degli investimenti pubblicitari effettuati sugli stessi mezzi di informazione nell’anno precedente. Inoltre, non è possibile beneficiare del credito di imposta se nell’anno precedente a quello in cui si richiede l’agevolazione non siano stati effettuati investimenti pubblicitari.

Chi non può accedere al bonus?

Non possono accedere al beneficio anche i soggetti che nell’anno precedente non abbiano effettuato investimenti pubblicitari ammissibili. Il credito di imposta spetta nel caso di investimenti pubblicitari incrementali effettuati su stampa quotidiana e periodica, anche online, e per gli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali.




Si ricorda che le spese effettuate per l’acquisto della pubblicità che concorrono a determinare se sia possibile ottenere il credito di imposta o meno, devono considerarsi al netto di:

  • spese accessorie;
  • costi di intermediazione;
  • altre spese diverse dell’acquisto dello spazio pubblicitario anche se ad esso funzionale o connesso.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.