Pubblicità sul cartaceo, si può scaricare dalle tasse 2019?



Pubblicità




Tante aziende o professionisti decidono di promuovere i propri prodotti o servizi in maniera tradizionale e cioè in maniera cartacea: volantini, manifesti, affissioni sui giornali e così via. Il Bonus pubblicità introdotto con la Manovra Correttiva consente a lavoratori autonomi, professionisti di imprese di beneficiare di un credito di imposta per gli investimenti pubblicitari.

Infatti, a partire dal 2018, questi soggetti possono ottenere un bonus fiscale con riferimento alle campagne pubblicitarie effettuate sia su TV e radio ma anche su giornali quotidiani e periodici.

Pubblicità, si può scaricare dalle tasse?

Il valore del credito di imposta va dal 75% al 90% (il credito di imposta sarà del 90% nel caso gli investimenti siano stati effettuati da micro imprese, piccole e medie imprese e start up innovative) ma è necessario aver effettuato investimenti in campagne pubblicitarie di un valore superiore almeno dell’1% rispetto agli investimenti effettuati nell’anno precedente.

Nello specifico, il credito di imposta è riconosciuto per gli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulle emittenti radiofoniche e televisive locali, analogiche o digitali, iscritte al Registro degli operatori di comunicazione. Il credito di imposta è riconosciuto anche per gli investimenti effettuati su giornali quotidiani e periodici, nazionali e locali, in edizione cartacea o digitale iscritti presso il competente Tribunale o nel Registro degli operatori di comunicazione.




Cosa non si può scaricare?

Non sono ammesse al credito di imposta le spese sostenute in altre forme di pubblicità (alcuni esempi sono la grafica pubblicitaria su cartelloni, volantini cartacei, cartellonistica, pubblicità su vetture, pubblicità tramite affissioni e display, pubblicità su schermi di sale cinematografiche, pubblicità su social network o piattaforme online, banner pubblicitari su portali online).

Sono escluse anche televendite, servizi di pronostici, giochi o scommesse con vincite di denaro, messaggeria vocale o chat line con servizi a sovrapprezzo. Le spese ammissibili si devono intendere al netto delle spese accessorie, dei costi di intermediazione e di ogni altra spesa diversa dall’acquisto dello spazio pubblicitario.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.