Scontrino elettronico cosa cambia per i commercianti



Scontrino elettronico




Che cosa comporterà per i commercianti l’entrata in vigore dello scontrino elettronico? Lo scontrino elettronico è il tema caldo delle ultime settimane. Per combattere e prevenire l’evasione fiscale, il Governo ha deciso di modificare alcuni aspetti. Infatti, il classico scontrino di carta sarà sostituito dalla moderna tecnologia. Ma che cosa cambia nello specifico?

Scontrino elettronico: che cos’è e come funziona?

Per i commercianti che hanno introiti superiori a 400.000 mila euro, dal primo luglio 2019, è prevista l’entrata in vigore ufficialmente dello scontrino elettronico. Per tutti gli altri, invece, la normativa si applicherà ufficialmente dal primo Gennaio 2020.

Significa, dunque, che lo scontrino di carta sarà sostituito: già in questi mesi alcuni commercianti hanno deciso di adottare la tecnica. La lotta all’evasione è molto importante: grazie a questi scontrini, potremo tracciare tutti i guadagni.

Nella Legge di Bilancio 2019 abbiamo visto i primi cambiamenti per i liberi professionisti con l’entrata in vigore della fatturazione elettronica. Adesso, invece, le cose cambieranno per chi ha un’attività commerciale al secondo. Ma come?




Commercianti: cosa cambierà?

L’abolizione dello scontrino cartaceo è di certo un fatto che ci destabilizza. Siamo abituati a tenere gli scontrini nel portafoglio; a questo punto dovremo mantenere il documento commerciale per dimostrare quanto abbiamo comprato. Sullo scontrino elettronico saranno riportate alcune informazioni, tra cui la data e l’ora dell’emissione, il numero di P.I. dell’emittente, l’ubicazione dell’esercizio, l’ammontare del pagamento.

Sul momento, ovviamente, possiamo avere delle difficoltà a capirne il funzionamento, ma non è poi così complicato. Il primo passo è tenere un registratore telematico, che vi aiuterà nella prestazione del servizio.

Vi segnaliamo che per agevolare il passaggio, il Fisco ha deciso di concedere un credito di imposta del 50% sull’importo totale del registratore telematico. In alternativa, il Fisco concederà 50,00 euro per permettere ai commercianti di aggiornare gli strumenti a loro disposizione, in modo tale da rispondere ai requisiti attuali.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.