Scontrino elettronico, va cambiato il registratore di cassa?  



Scontrino




Dal primo gennaio 2021 è obbligatoria l’emissione dello scontrino elettronico da parte di tutti gli esercenti.

In particolare saranno tenuti ad emettere lo scontrino elettronico (invece di quello cartaceo) tutti i titolari di Partita IVA con attività di vendita al dettaglio.

Emissione dello scontrino elettronico

Con l’emissione dello scontrino elettronico, tutte le attività potranno procedere alla comunicazione giornaliera dei propri corrispettivi all’Agenzia delle Entrate.

L’obbligo ad adeguare il registratore di cassa era stato fissato al primo gennaio 2020; tuttavia, data la difficoltà che molti esercenti e commercianti hanno avuto a causa dell’emergenza sanitaria di Coronavirus che ha investito tutto il mondo, questo obbligo è slittato al primo aprile 2021.




I negozianti dovranno allora dotarsi di registratori di cassa telematici per registrare e inviare i dati degli scontrini elettronici all’Agenzia delle Entrate.

Un registratore di cassa telematico

Un registratore di cassa telematico è un registratore che può connettersi ad Internet e comunicare i corrispettivi giornalieri all’Agenzia delle Entrate.

Il registratore deve essere attivato dalla stessa Agenzia delle Entrate grazie all’intervento di un tecnico specializzato che installerà il registratore e imposterà il file XML da inviare all’Agenzia delle Entrate.

Coloro che non vogliono cambiare il proprio registratore di cassa con uno telematico, possono comunicare i corrispettivi giornalieri attraverso il servizio gratuito messo a disposizione online dall’Agenzia delle Entrate.

Cosa cambia allora per commercianti e acquirenti usando lo scontrino elettronico?

Per i commercianti non ci sarà più l’obbligo di emettere lo scontrino e la ricevuta fiscale cartacea.

I clienti, invece, dopo i propri acquisti, riceveranno un documento commerciale (non valido a fini fiscali) che potranno usare per resi e garanzie.

Da questo discende che il cliente non potrà più essere sanzionato all’uscita del negozio nel caso non esibisca lo scontrino.

L’unica cosa che potrà succedere è che eventualmente la Guardia di Finanza possa chiedergli quanto ha speso, così da verificare che il negoziante abbia battuto telematicamente quello stesso importo.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.