Cessione del quinto, dopo quanto tempo si può richiedere 



Cessione del quinto




La cessione del quinto è un tipo di finanziamento che possono richiedere i dipendenti pubblici, i dipendenti privati a tempo indeterminato e i pensionati.

È un finanziamento che viene detto “garantito” proprio perché la liquidità viene rimborsata attraverso l’addebito della rata sullo stipendio o sulla pensione del dipendente che, appunto, non può superare 1/5 dell’importo della busta paga o della pensione. La durata massima della cessione del quinto è di 120 mesi mentre la durata minima è di 24 mesi ma molto dipende dallo stipendio (nel caso di dipendenti) e dall’età del richiedente (se pensionato).

Ma dopo quanto tempo si può richiedere la cessione del quinto?

Innanzitutto, per poter richiedere un tipo di finanziamento di questo tipo è necessario, se si è un lavoratore, possedere un contratto di lavoro a tempo indeterminato con relativa busta paga e TFR maturato.

Ci sono anche alcuni casi, tuttavia, in cui possono richiederlo anche i lavoratori a tempo determinato ma non possono sicuramente richiederlo il lavoratori di aziende private che non siano SPA, SRL con meno di 16 dipendenti o cooperative.




In ogni caso, uno dei fattori che viene preso in considerazione per concedere o meno la cessione del quinto, è l’entità dello stipendio (soprattutto se si tratta di lavoratori assunti da poco). Un altro elemento che viene preso in considerazione è l’anzianità di servizio, soprattutto per i dipendenti di aziende private.

I nuovi assunti possono richiedere la cessione del quinto

I nuovi assunti possono richiedere la cessione del quinto in un periodo di tempo che varia da uno a due anni dall’assunzione: il lavoratore deve prima accumulare TFR che, insieme alla busta paga, è una garanzia della restituzione delle rate del finanziamento richiesto.

In genere, il lavoratore privato deve aver accumulato almeno 1500 o 2000 euro lordi di TFR. Discorso diverso per i lavoratori statali e pubblici in quanto sono considerati più “affidabili” dalle banche e dagli istituti di credito poiché per loro perdere il lavoro è più raro rispetto ai dipendenti di aziende private.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.