Misure anticrisi 2021, cosa ci sarà per i piccoli imprenditori  



Misure




Il 2020, caratterizzato dall’emergenza Coronavirus, ha causato difficoltà enormi per numerosi settori produttivi, per famiglie, imprese e piccoli imprenditori.

Il 2021 appena iniziato si prospetta un anno comunque difficile perché la lotta al virus sta ancora continuando e la fine dell’epidemia, purtroppo, non è del tutto vicina. Ci si aspetta anche una rottamazione cartelle 2021 per permettere a chi è rimasto indietro di poter riallineare la propria posizione fiscale

Le misure anticrisi 2021

Tuttavia, sono diverse le misure anticrisi 2021 previste per sostenere i piccoli imprenditori, come:

  • l’esonero parziale dei contributi previdenziali dovuti nel 2021 dai lavoratori autonomi e dai professionisti per le imprese che abbiano percepito, nel periodo d’imposta 2019, un reddito complessivo non superiore a 50000 euro e abbiano subìto un calo del fatturato o dei corrispettivi nell’anno 2020 non inferiore al 33% rispetto a quelli dell’anno 2019.
  • Il sostegno all’imprenditoria femminile mediante contributi a fondo perduto per quelle imprese costituite da almeno 36 mesi per garantire l’integrazione del fabbisogno di circolante nella misura massima dell’80% della media del circolante degli ultimi tre esercizi.
  • Aiuti per le PMI creative, mediante l’istituzione di un apposito fondo da 20 milioni di euro. Tali risorse si rivolgono alle attività che mirano allo sviluppo, alla creazione, alla produzione, alla diffusione e alla conservazione dei beni e servizi che costituiscono espressioni culturali, artistiche o altre espressioni creative (come quelle relative all’architettura, alle biblioteche, ai musei, alla televisione, al software, ai videogiochi, alla musica, alla radio e così via).
  • Esonero contributivo per le aree del Sud Italia, gravemente danneggiate dal virus soprattutto per ciò che concerne l’occupazione.

L’esonero contributivo è del 30%

L’esonero contributivo è del 30% fino al 31 dicembre 2025; del 20% per gli anni 2026 e 2027 e del 10% per gli anni 2028 e 2029.




Sempre al Sud è stato prorogato al 31 dicembre 2022 il credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive nelle zone assistite ubicate nelle regioni Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.