Decreto ristori 2021 associazioni culturali, quali sono i requisiti



Decreto




Sono tantissimi i soggetti gravemente colpiti dalla crisi economica generata dall’epidemia di Coronavirus. Fra queste anche le associazioni, come quelle culturali e quelle sportive, destinatarie anch’esse di alcune misure di sostegno contenute nel Decreto ristori 2021 (detto Decreto Sostegni).

Sono previsti dei contributi a fondo perduto

In particolare, sono previsti dei contributi a fondo perduto nei confronti dei soggetti titolari di Partita IVA, residenti o stabiliti nel territorio dello Stato, che svolgono attività d’impresa, arte o professione o che producono reddito agrario.

Fra questi sono compresi anche, appunto, gli enti non commerciali e del terzo settore, purché rispondano a questi requisiti:

  • abbiano attiva la Partita IVA alla data del 23 marzo 2021 (data di entrata in vigore del nuovo Decreto ristori);
  • abbiano ottenuto ricavi e compensi non superiori a 10 milioni di euro nel periodo d’imposta 2019;
  • abbiano subìto perdite di fatturato, tra il 2019 e il 2020, pari ad almeno il 30%, calcolato sul valore medio mensile;
  • svolgano un’attività commerciale, anche se marginale, insieme a quella istituzionale

Di norma l’importo spettante dei contributi a fondo perduto viene calcolato applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2020 e l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2019.




Per le associazioni culturali che hanno la Partita IVA

Per le associazioni culturali che hanno la Partita IVA attiva dal primo gennaio 2019, il contributo spetta comunque, anche in assenza del requisito di riduzione del fatturato.

L’importo del beneficio, per loro, sarà determinato sulla base della media mensile calcolata sui soli mesi del 2019 successivi all’apertura.

Non possono beneficiare dei contributi a fondo perduto previsti dal Decreto ristori 2021:

  • i soggetti la cui attività risulta cessata alla data di entrata in vigore del Decreto (23 marzo 2021) o che abbiano aperto la Partita IVA in data successiva all’entrata in vigore del decreto
  • gli enti pubblici di cui all’art. 74 del TUIR
  • i soggetti di cui all’art. 162-bis del TUIR


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.